ATTENZIONE

A causa delle misure adottate per il contenimento della COVID-19, tutti gli eventi pubblici sono sospesi e rinviati a data da destinarsi. Take the Date quindi in questo periodo segnalerà tutti gli appuntamenti che si svolgono online

Direttore tecnico impianti rifiuti

Salva sul calendario
Da 24.03.2020 09:00 fino a 27.03.2020 17:00
Inserito da Amministrazione
Visite: 985

Il direttore tecnico impianti rifiuti deve essere “opportunamente formato”: così prevede la Circ. Min. 1121 del 2019 (Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti e per la prevenzione dei rischi). E’ per questo motivo che è stato progettato questo corso da TuttoAmbiente – la cui formazione è certificata – il primo creato “su misura” proprio per questa importante figura professionale. Ma come si distingue dal Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti? Quali responsabilità e deleghe ha nei confronti del legale rappresentante?

Il Direttore Tecnico della gestione di impianti – infatti – deve essere un soggetto in grado di gestire i differenti flussi di rifiuti in entrata in uscita, una corretta gestione dell’impianto, sia dal punto di vista normativo che di conduzione quotidiana; le sue attività comportano anche relative responsabilità. Talvolta, nella stessa persona si sovrappongono piu’ figure: Direttore Tecnico impianto, responsabile ADR, Responsabile Tecnico per il trasporto Albo gestori, gestore di stabilimento autotrasporto.

Il corso – che si rivolge ai direttori e gestori di impianti rifiuti o a chi lo vuole diventare– vuole fornire idonei strumenti tecnici, pratici e legislativi per poter gestire correttamente il ciclo dei rifiuti senza incorrere in sanzioni per mancanze formale e sostanziali nell’applicazione della normativa.

Sono previsti momenti conviviali per incentivare opportunità di interazione anche con i docenti.

32 ore di lezione in 4 giorni consecutivi. Ampio spazio per quesiti.

Programma
Nozioni e principi generali (Stefano Maglia)

Cenni normativi e nozioni generali
L’identificazione dei rifiuti (rifiuti urbani, rifiuti speciali)
La classificazione dei rifiuti (pericolosi e non pericolosi)
La tracciabilità dei rifiuti (registri di carico e scarico, FIR, MUD)
Obblighi e adempimenti: soggetti tenuti alla compilazione
Il deposito temporaneo (le modalità di stoccaggio)
Condizione temporale
Condizione spaziale
Raccolta dei rifiuti e divieto di miscelazione
I materiali non piu’ rifiuti: Materie Prime Secondarie ed End of Waste
I sottoprodotti: possibilità di gestione
Responsabilità, sanzioni e controlli
Il trasporto dei rifiuti (Marco Casadei e Andrea Da Lio)

Definizioni
L’Albo gestori ambientali
Requisiti per l’iscrizione
Il trasporto dei rifiuti
Impianto e trasporto: quando si può fare
Le autorizzazioni dei fornitori
Analogie e differenze tra direttore tecnico e responsabile tecnico rifiuti
Le tipologie di autorizzazione previste dal D.Lgs. n. 152/06 (Andrea Baldisseri)

Le autorizzazioni per la gestione dei rifiuti:
Procedure semplificate e autorizzazione unica ambientale (AUA) ex artt. 214/216
L’autorizzazione a titolo unico ai sensi dell’art. 208:
Impianti di fissi per il recupero di materia;
Impianti di autodemolizione;
Impianti mobili e campagne di recupero;
Impianti di smaltimento;
Modifiche di autorizzazione.
Circolare Minambiente n. 1121 del 21-01-2019:
Prescrizioni generali;
Ubicazione degli impianti;
Organizzazione e requisiti generali degli impianti con stoccaggio di rifiuti;
Impianti tecnologici;
Sistemi di protezione e sicurezza ambientale;
Modalità e accorgimenti operativi e gestionali, Gestione delle emergenze.
L’autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi dell’art. 29 ter. (IPPC)
Procedure di autorizzazione, riesame, modifiche sostanziali;
BAT (Migliori tecnologie disponibili) per impianti gestione rifiuti decisione della Commissione Europea del 10 agosto 2018, n. 2018/1147/UE;

Modifiche sostanziali;
Il Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC).
Le procedure di valutazione ambientale preventiva
Verifica di assoggettabilità alla Valutazione di Impatto Ambientale (screening);
Procedure e contenuti dello Studio Preliminare Ambientale (screening);
La valutazione di impatto ambientale (VIA);
Procedure e contenuti dello Studio di Impatto Ambientale (VIA).
La gestione tecnica di un impianto di trattamento rifiuti (Ruggero Rigoni)

Requisiti ed elementi di progettazione (parte prima)
Metodi, tecniche e strumenti di trattamento e smaltimento dei rifiuti: frantumazione, selezione, riciclaggio, termo utilizzatore, compostaggio…
Tecnologie e strumentazioni
Procedure gestionali/sistemi di monitoraggio processo
Requisiti gestionali e strutturali degli impianti
Tecniche di stoccaggio dei rifiuti
Tecniche di gestione degli impianti
Requisiti ed elementi di progettazione (parte seconda)
Tecniche di monitoraggio e controlli ambientali
Controlli di processo
Igiene e sicurezza del lavoro e ambientale e analisi del rischio
Tecniche di prevenzione e sicurezza
Per la salute dei lavoratori
Per l’ambiente
Gestione delle emergenze: procedure di allarme, piani di intervento
Progettazione di gruppo su traccia di base predeterminata (Andrea Baldisseri e Ruggero Rigoni)

Stesura del piano di lavoro
Definizione delle procedure
Progettazione
Presentazione del progetto da parte del gruppo di lavoro
Interazione con il gruppo dei relatori sui punti di forza e debolezza delle progettazioni
Prova di autovalutazione
Sede del corso
Centro Congressi Cavour – Via Cavour, 50/a (vicino alla stazione Termini)






Segui i canali tematici su Telegram:

Telegram.pngAGRIFOOD
Telegram.png AMBIENTE ED ENERGIA
Telegram.pngSANITA'
Telegram.pngPOLITICA
Telegram.pngECONOMIA


Iscriviti alla newsletter

Iscriviti

Scegli il campo d'interesse
­