Oil&nonoil 2019

Salva sul calendario
Da 23.10.2019 09:00 fino a 24.10.2019 19:00
Inserito da Amministrazione
Visite: 252

Oil&nonoil 2019: a Roma il 23 e 24 Ottobre presente e futuro della mobilità

La quattordicesima edizione dell’unica fiera nazionale dedicata alla filiera dei carburanti, delle energie e dei servizi per la mobilità concentra la propria attenzione sul tema della transizione energetica e sulle prospettive per gli imprenditori che investono nella rete in graduale trasformazione.

Transizione energetica, nuove forme di mobilità, mercato della distribuzione dei carburanti e distorsioni dell’illegalità, la rete e i suoi protagonisti: saranno questi alcuni dei temi portanti attorno ai quali ruoterà la quattordicesima edizione di Oil&nonoil-Stoccaggio e Trasporto Carburanti, in programma presso il Palazzo dei Congressi nel quartiere di Roma EUR il 23 e 24 ottobre prossimi.

Senza tralasciare le proposte dell’industria per l’automazione dei servizi, il miglioramento degli standard di sicurezza e la riduzione dei costi di gestione, Oil&nonoil coglie l’occasione della propria presenza nella Capitale per coinvolgere anche le istituzioni amministrative e politiche.

Il tema della transizione energetica valica i confini nazionali e condiziona le scelte di governi, grandi e piccole imprese, case automobilistiche e influisce anche sulle scelte quotidiane dei singoli cittadini che usino l’auto o i mezzi pubblici. Le ricette per governare il mutamento epocale possono essere solo il frutto di compromessi che consentano l’adeguamento dei segmenti produttivi a nuovi parametri in grado di soddisfare il mutare della domanda di energia. Oil&nonoil a Roma in ottobre sarà l’occasione di fare il punto con tutti gli stakeholder del settore e tracciare le traiettorie percorribili per il prossimo futuro della rete e della mobilità.

Tutta la filiera della distribuzione dei carburanti è al centro della trasformazione e gli imprenditori del settore sono chiamati a elaborare strategie che consentano di continuare a fornire, ancora per decenni, i carburanti tradizionali, senza rinunciare a investire nei nuovi carburanti, nelle colonnine di ricarica e nella fornitura del metano, considerato quest’ultimo, nelle sue diverse declinazioni, il vero protagonista della transizione.

Centinaia di retisti si muovono verso soluzioni originali di gestione e forme inedite di collaborazione, testimoniando una decisa dinamicità che si manifesta anche nella ripresa che si avverte nel comparto del non oil: gli imprenditori considerano la stazione di servizio del futuro come uno spazio in cui il rifornimento dei carburanti o la ricarica dell’auto elettrica sono solo una delle ragioni per sostare.

«Nel portfolio di Veronafiere è importante che ci sia una manifestazione che faccia il punto su un settore in profondo cambiamento, quale quello dei carburanti e delle stazioni di servizio. Oil&nonoil, che è presente ai principali tavoli di discussione a livello nazionale è, infatti, una fiera di contenuti strettamente connessi al presente e al futuro delle persone, quali la mobilità, l’energia, l’ambiente e la tecnologia» ha spiegato Flavio Innocenzi, direttore commerciale di Veronafiere SpA.

Veronafiere si attende di superare i risultati della edizione del 2017: 110 espositori, 2400 visitatori, 30 convegni con oltre 900 partecipanti. Per soddisfare tutte le richieste, anche di spazi esterni da parte dei marchi esposti, quest’anno sarà occupata anche una parte dell’area antistante il Palazzo dei Congressi. Un’attenta campagna di comunicazione e media sarà condotta per richiamare i visitatori, anche esteri (2% nel 2018), ed il lavoro in stretta collaborazione con le associazioni di settore e gli opinion maker procede già ora nell’individuazione dei temi caldi e nella costruzione dell’offerta di convegni, seminari e workshop formativi, con relatori ed interventi di rilievo.

I piccoli e grandi retisti (oltre il 20% dei visitatori nel 2017) stanno significativamente aumentando la loro presenza in termini di punti vendita e erogato della rete, puntando sull’innovazione come una delle carte fondamentali per ridurre i costi e per continuare crescere in termini di servizi, qualità e fatturato. A loro e ai temi cui sono sensibili Oil&nonoil riserverà spazi e momenti qualificati di confronto.






Segui i canali tematici su Telegram:

Telegram.pngAGRIFOOD
Telegram.png AMBIENTE ED ENERGIA
Telegram.pngSANITA'
Telegram.pngPOLITICA
Telegram.pngECONOMIA


 

 

 

Categorie Principali

politica

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti

Scegli il campo d'interesse
­