La fine di un mondo. La deriva del mondo liberale

Salva sul calendario
Da 19.02.2019 17:00 fino a 19.02.2019 20:00
Inserito da Amministrazione_
Visite: 292

Nell’ultimo anno la politica di Donald Trump ha introdotto un'inedita tensione tra gli Stati Uniti e l’ordine internazionale da loro stessi creato alla fine della Seconda guerra mondiale, mentre la crescita della Cina e la rinnovata assertività della Russia sembrano preludere a una nuova fase del riflusso dell’impatto occidentale sul resto del Mondo. Si moltiplicano, in sintesi, i segnali di scomposizione dell’ordine mondiale, con conseguenze sempre più profonde sulla convivenza internazionale, sulle organizzazioni internazionali e persino dell’assetto istituzionale dei singoli stati.

A questi temi è dedicato il Rapporto ISPI 2019 “La fine di un mondo” – realizzato con il contributo della Fondazione Cariplo – che prevede, anche quest’anno, una pagella della politica estera italiana, stilata sulla base delle valutazioni di un expert panel di 130 esperti.

I contenuti del Rapporto - disponibile sul sito dell'ISPI nei prossimi giorni - saranno oggetto di 10 presentazioni e dibattiti nell’ambito di eventi che partiranno da Milano e proseguiranno in altre città italiane.

Sul sito dell'ISPI sarà possibile seguire il live tweeting su #finediunmondo

Per partecipare all'incontro è necessario iscriversi.
La registrazione è obbligatoria ma non garantisce il posto in sala.

Le opinioni e i contenuti espressi nell’ambito dell’iniziativa sono nell’esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo.

L’accesso alla sala – con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta – è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

Senato, Roma






Segui i canali tematici su Telegram:

Telegram.pngAGRIFOOD
Telegram.png AMBIENTE ED ENERGIA
Telegram.pngSANITA'
Telegram.pngPOLITICA
Telegram.pngECONOMIA


 

 

 

Categorie Principali

politica

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti

Scegli il campo d'interesse
­